Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Lavoro, Fiom, Cgil, sindacati, Rai, soldi pubblici, debito pubblico, creatività, intelligenza, populismo e servizio pubblico della TV, (PTV, NAF)

Sindacati fanno il suo “dovere”: difendere migliore condizione dei suoi associati. Tutti lavoratori se identificano con chi è della parte della sua categoria e in difesa del lavoro. Ma quanta volte il coste e condizioni di lavoro di pochi causa mancanza di lavori per molti altri? Quanti lavoratori con migliori sindacati e in migliori condizioni hanno più diritti con costi del debito pubblico o altri senza lavoro? 

La probabilità di avere migliore politica dipende più di elite intelligenti democraticamente eletti o del populismo di piazze e TV dove la violenza e aggressività contano molte più dell’intelligenza?
Impressione mia o è proprio a Rai dove se da più voce a minoranze che non sempre sono in peggiori condizioni e costano più di altri? Servizio pubblico o servizio anti-governo e anti-Berlusconi?
Tempo ed energie dell’informazione, sindacati e politica nei conflitti non potranno essere più orientate per stimolare la creatività, per inventare altre forme di lavoro, risolvere problemi con dialogo dei ripresentanti più intelligente e non con la ragione dei più aggressivi o con più spazio nell’informazione?
La lotta di classe e vecchia anarchia dei poteri a più violenti non potranno evoluire per la collaborazione di classe con migliori gerarchie dei più creativi, onesti, efficienti e socialmente utile?

Pubblicato il 15/6/2010 alle 8.21 nella rubrica TV-PTV.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web